Revisioni e metafore


Qualche tempo fa ho rivisto una traduzione di Giulio Concu, che qualche anno fa fu il revisore della mia prima traduzione "importante" (almeno per me), e che anche ora sta rivedendo un mio lavoro. Trovo molto stimolante questo scambio e questa attenzione alle reciproche scritture e credo che la nostra collaborazione riesca ad autoalimentarsi grazie a queste periodiche collaborazioni.

Il libro tradotto da Giulio è molto coinvolgente oltre a presentarsi con questa copertina, degna di nota per la sua bellezza e per la sua pertinenza. Sono molo legata alla casa editrice il Maestrale perchè per primi, senza conoscermi, mi hanno dato fiducia e mi hanno permesso di realizzare con loro i progetti che avevo proposto loro. Al di là delle mie vicende personali, di certo il Maestrale si distingue per la qualità e la cura quasi artigianale che dedica alle pubblicazioni, senza dimenticare nessun dettaglio, dalla revisione, alla grafica, ai crediti.
La storia narrata da Hubert Haddad si svolge nel cuore della guerra tra Israele e Palestina, ma non è un documento. Si tratta piuttosto di una riflessione poetica, o di una metafora romanzata. Per saperne di più cliccate qui