Pulsatilla!

Non sono una fan incondizionata di Pulsatilla, ma apprezzo la leggerezza della sua scrittura, e la lettura di alcune sue pagine mi fa ridere molto forte. Inoltre, siccome Pulsatilla ha iniziato il suo percorso con un celebre blog, mi sembra doveroso renderle omaggio qui.

La pulsatilla è una sostanza usata in un medicinale omeopatico, e questo medicinale, leggo dal mio manualetto di omeopatia, cura diversi disturbi, soprattutto nelle donne. Si adatta soprattutto a donne deboli, ansiose, apprensive o mentalmente disturbate. Le pazienti Pulsatilla sono dolci, gentili e compiacenti, tendenzialmente allegre, eppure manifestano un carattere instabile e volubile , tanto da ridere, spesso, in mezzo alle lacrime. Per questo viene naturale immaginare che l’autrice che ha scelto questo pseudonimo corrisponda più o meno a questa descrizione e abbia questo tipo di problemi.

Cliccando qui potrete ascoltare un'intervista che le ho fatto nel lontano 2006, in occasione delle iniziative bolognesi "ad alta voce" e per promuovere il suo libro La ballata delle prugne secche, una serie di avventure tragicomiche che capitano alla protagonista narratrice dalla sua nascita a oggi. Tutti i turbamenti e i riti di una giovane di provincia sono raccontati con brio: dalle mestruazioni alla depilazione, dalle diete all’I-ching, dal rimorchio via internet alla fuga dalla natale Foggia. Si ride molto in questo romanzo, che si può leggere, appunto anche a dosi omeopatiche dato che ogni capitolo svolge un tema a sé.